PRENOTA ADESSO

La Storia

Carlino

"Non è l'angolo retto che mi attrae, né la linea retta, dura e inflessibile, creata dall'uomo. Ciò che mi attrae è la curva libera e sensuale - la curva che trovo nelle montagne del mio paese, nel corpo di una donna amata, tra le nuvole nel cielo e le onde del mare. L'universo è fatto di curve." È stato seguendo questo ethos che Carlo Cinque - "Carlino" per gli amici - ha creato un gioiello dell'ospitalità italiana per esprimere l'amore per la sua Positano ai viaggiatori. Il San Pietro è stato costruito sul promontorio che Carlo aveva amato fin da quando era un bambino e da cui si gode la migliore vista del borgo e della costa. Originariamente qui c'erano solo rocce, quercie e i resti di una piccola casa, Carlo acquistò la proprietà da suo cognato nel 1962 e iniziò i lavori. Otto anni più tardi, Il San Pietro aprì agli ospiti il ​​29 giugno 1970. Carlino parlava costantemente dell'albergo con i suoi ospiti, mettendo cura in ogni dettaglio come nell´arredare le stanze con piante e fiori in modo da fondere il suo eden con il paesaggio circostante. Intelligente e iconico, sempre con il cappello di paglia in perfetto stile anni '70, Carlino ha creato un ruolo innovativo, quello di proprietario eclettico che dava grandi feste per i suoi amici VIP. È stato un personaggio carismatico e importante nella storia di Positano nonché una figura chiave nel turismo d'elite

La famiglia Attanasio Cinque

Dopo la morte di Carlo, nel 1984, i suoi nipoti Salvatore e Virginia ereditarono la gestione dell'albergo, migliorandone la visibilità e la fama in tutto il mondo entrando nella catena di hotel di lusso Relais & Chateaux, e diventando il buen retiro per star internazionali come Gregory Peck , i Rockefeller, Peter O'Toole, Tina Turner, Barbra Streisand, François Mitterand, Dustin Hoffman e il re di Giordania. Quando Salvatore morì, Virginia, con i suoi figli Carlo e Vito Cinque, ha assunto la gestione dell'albergo. Sotto l'amministrazione dei fratelli Cinque, il San Pietro ha continuato ad evolversi: nuovi servizi vengono aggiunti e lavori di ristrutturazione effettuati annualmente. Nel 2002 il ristorante Zass ha ricevuto una stella Michelin. Nello stesso anno, la Spa, ricavata da un deposito agricolo, ha aperto le sue porte in una splendida cornice di ulivi, limoni e roseti. Nel 2008 è stato aperto il ristorante Carlino, con una terrazza esterna in riva al mare. Nel 2016 è stata inaugurata la nuova cucina immediatamente riconosciuta nel mondo come tra le più avveniristiche e rispettose dell'ambiente.

Positano

Positano è considerata la perla della Costiera Amalfitana. Si dice sia stata fondata dal dio Poseidone, e sul suo territorio sono stati ritrovati manufatti risalenti ad insediamenti di epoca paleolitica. Durante l'epoca romana e nel Medioevo, Positano era un importante città portuale della Repubblica Marinara di Amalfi. Anche se viIlaggio di pescatori relativamente povero, durante la prima metà del XX secolo, ha cominciato ad attrarre un gran numero di turisti negli anni '50 e '60, diventando un buen retiro per artisti, musicisti e star del cinema. Oltre alla sua ricchezza artistica e architettonica, la storia, le feste tradizionali, gli alberghi e i negozi tipici, la città vanta un patrimonio di spiagge invidiabili. Tra le più famose La Spiaggia Grande e la più romantica Fornillo, che deve il suo nome ai forni del pane utilizzati in epoca romana.

Carlino

"Non è l'angolo retto che mi attrae, né la linea retta, dura e inflessibile, creata dall'uomo. Ciò che mi attrae è la curva libera e sensuale - la curva che trovo nelle montagne del mio paese, nel corpo di una donna amata, tra le nuvole nel cielo e le onde del mare. L'universo è fatto di curve." È stato seguendo questo ethos che Carlo Cinque - "Carlino" per gli amici - ha creato un gioiello dell'ospitalità italiana per esprimere l'amore per la sua Positano ai viaggiatori. Il San Pietro è stato costruito sul promontorio che Carlo aveva amato fin da quando era un bambino e da cui si gode la migliore vista del borgo e della costa. Originariamente qui c'erano solo rocce, quercie e i resti di una piccola casa, Carlo acquistò la proprietà da suo cognato nel 1962 e iniziò i lavori. Otto anni più tardi, Il San Pietro aprì agli ospiti il ​​29 giugno 1970. Carlino parlava costantemente dell'albergo con i suoi ospiti, mettendo cura in ogni dettaglio come nell´arredare le stanze con piante e fiori in modo da fondere il suo eden con il paesaggio circostante. Intelligente e iconico, sempre con il cappello di paglia in perfetto stile anni '70, Carlino ha creato un ruolo innovativo, quello di proprietario eclettico che dava grandi feste per i suoi amici VIP. È stato un personaggio carismatico e importante nella storia di Positano nonché una figura chiave nel turismo d'elite

La famiglia Attanasio Cinque

Dopo la morte di Carlo, nel 1984, i suoi nipoti Salvatore e Virginia ereditarono la gestione dell'albergo, migliorandone la visibilità e la fama in tutto il mondo entrando nella catena di hotel di lusso Relais & Chateaux, e diventando il buen retiro per star internazionali come Gregory Peck , i Rockefeller, Peter O'Toole, Tina Turner, Barbra Streisand, François Mitterand, Dustin Hoffman e il re di Giordania. Quando Salvatore morì, Virginia, con i suoi figli Carlo e Vito Cinque, ha assunto la gestione dell'albergo. Sotto l'amministrazione dei fratelli Cinque, il San Pietro ha continuato ad evolversi: nuovi servizi vengono aggiunti e lavori di ristrutturazione effettuati annualmente. Nel 2002 il ristorante Zass ha ricevuto una stella Michelin. Nello stesso anno, la Spa, ricavata da un deposito agricolo, ha aperto le sue porte in una splendida cornice di ulivi, limoni e roseti. Nel 2008 è stato aperto il ristorante Carlino, con una terrazza esterna in riva al mare. Nel 2016 è stata inaugurata la nuova cucina immediatamente riconosciuta nel mondo come tra le più avveniristiche e rispettose dell'ambiente.

Positano

Positano è considerata la perla della Costiera Amalfitana. Si dice sia stata fondata dal dio Poseidone, e sul suo territorio sono stati ritrovati manufatti risalenti ad insediamenti di epoca paleolitica. Durante l'epoca romana e nel Medioevo, Positano era un importante città portuale della Repubblica Marinara di Amalfi. Anche se viIlaggio di pescatori relativamente povero, durante la prima metà del XX secolo, ha cominciato ad attrarre un gran numero di turisti negli anni '50 e '60, diventando un buen retiro per artisti, musicisti e star del cinema. Oltre alla sua ricchezza artistica e architettonica, la storia, le feste tradizionali, gli alberghi e i negozi tipici, la città vanta un patrimonio di spiagge invidiabili. Tra le più famose La Spiaggia Grande e la più romantica Fornillo, che deve il suo nome ai forni del pane utilizzati in epoca romana.